"Com'è nata la mia passione per il fuoristrada" – Serena Tarquini



Ecco il mio turno!
Ciao a tutti, colleghi/e e non, io sono Serena e voglio parlarvi un po’ di me! Ho 31 anni e sono dell’Aquila! Forse la mia storia non sarà poi così interessante ma voglio dimostrare alle ragazze che si avvicinano a questo mondo che tutto è possibile!

La storia della mia passione

La mia passione per il fuoristrada è iniziata da poco, da appena tre anni! E come la maggior parte delle passioni è iniziata un po’ per caso.

Mio marito un giorno mi disse di voler cambiare auto, e prenderne una che gli permettesse anche di andare a fare un giro in montagna. Io non sono mai stata una che non appoggiava le sue folli idee, anzi… Beh, per farla breve, tornò a casa con un Pajero V80 3.2… uno spettacolo!
Decidemmo di testarlo subito in un raduno organizzato nella nostra zona (“Sulle tracce del mammut“).
Andammo, tutti un po impacciati, alla cieca, facemmo l’iscrizione e mi diedero un libricino con frecce e numeri… il roadbook.
Pensai “e sto coso che è?
Iniziai a sfogliarlo e poi “l’illuminazione”! Andai un po a senso, non avevo il trip, ma riuscii a trovare tutte le strade e ad arrivare alla fine.
È da lì che mi sono innamorata della navigazione capendo che il pilota da solo non può andare da nessuna parte. Capii che c’era posto anche per me, che anche il navigatore è importante, quasi fondamentale! Da quel giorno si aprì un nuovo mondo, scoprii che c’erano più fuoristradisti di quanti potessi mai credere! Quasi naturalmente ci ritrovammo ad uscire con amici della nostra zona e “sfidarci” su chi riusciva a salire!! Mi ricordo, c’era la neve, sulle nostre montagne era una favola. Tutto il giorno su e giù, poi al bar a farci una birra e lì l’idea… “facciamo un nostro club!”

Il nostro Club

Volevamo creare qualcosa dove chi avesse questa passione poteva metterla in pratica, dove potessimo divertirci tutti insieme come una piccola famiglia! Beh, non me lo sono fatta ripetere due volte. Tornata a casa mi sono messa su internet a cercare come si potesse aprire un club. Tra i vari risultati ne spiccava uno… Federazione Italiana Fuoristrada. Ne ho parlato con gli altri che mi hanno subito appoggiata e il giorno dopo mi sono messa in contatto con l’allora delegato regionale! Nel giro di qualche settimana tutto era pronto, dovevamo solo stabilire i ruoli… e l’emozione più grande è stata quando decisero che il presidente del club dovevo essere io! Un onore che non mi aspettavo ma che mi riempì di orgoglio!!!
Non ho mai creduto più di tanto nei ruoli, sono convinta che è l’insieme delle persone che fa grande un progetto, e io ho avuto la fortuna di avere accanto delle persone fantastiche che mi hanno aiutato a far diventare grande “La Piana Off-Road“!
Non eravamo tanti, ma come si dice… “pochi ma buoni!!!”.
Io, Graziano, Nicola, Daniel, Daniela, Kevin, Valentina, Edoardo…. appoggiati successivamente da Alfredo, Giulia, Alessandro, Matteo, Vanni, Stefano..   siamo riusciti a raggiungere un grande risultato.
Il nostro primo raduno ha fatto (per un evento FIF nella regione Abruzzo) il record di partecipanti!
Ma dato che non tutte le storie finiscono con un lieto fine… questa non poteva essere da meno.
Purtroppo eventi personali hanno fatto sì che dovessi rinunciare al mio ruolo da presidente e a tutto il club. Non vi nascondo che ancora oggi qualche lacrima scende.. la fine del mio matrimonio e un successivo allontanamento dalla mia città mi hanno fatto accantonare il fuoristrada.
La vita, però, va avanti.

Una nuova avventura

Quando nella mia vita è entrata un’altra persona, anche il fuoristrada è tornato a bussare alla mia porta. Con Mariano ho avuto la possibilità di fare nuove esperienze.. una tra queste, di mettermi alla prova in una tappa di campionato TRIAL 4X4. Dato che lui per tre anni ha organizzato la gara in Abruzzo, quest’anno mi sono detta “perché non provare?!”… e così, mentre lui era impegnato nell’organizzazione della giornata, io ho indossato il casco e mi sono buttata in pista!!! Beh, vi dico che l’adrenalina era tanta.. le mani e le gambe tremavano.. una macchina che non conoscevo, che non sapevo come rispondeva.. super concentrata a cercare di ricordare il percorso e capire dove mettere le ruote (ero senza navigatore (🤦‍♀️). Non sono salita sul podio, ma ho finito la gara e per essere stata la prima volta sono super orgogliosa di me stessa!!!! Una soddisfazione che ancora oggi mi accompagna!! Poi la sorpresa… un’email inaspettata..”SEI STATA SELEZIONATA per la realizzazione del calendario ROSA INTEGRALE 2020“… non ci credevo.. proprio io?! Devo dire che è stata un’esperienza divertentissima… poi figuratevi proprio io che odio farmi fare le foto!!! Ho conosciuto delle ragazze come me, semplici e appassionate (Monica, Valentina, Valeria, Elisa, Katja), le organizzatrici disponibilissime (Lara e Silvana) e un fotografo che è uno spettacolo (Paolo). Poi ci hanno comunicato che ci avrebbero nominato ambasciatrici di rosa integrale per il 2020, una bella responsabilità!

Vi racconteremo nel corso dell’anno quelle che saranno le nostre avventure, i nostri pensieri, la nostra vita nel campo del fuoristrada sperando di appassionare altre ragazze come noi! I progetti per il 2020 sono tanti, a partire da un capodanno da favola nel deserto della Tunisia… ma questa è un’altra storia che vi racconterò nella prossima puntata! 

😉

Comments 3

  1. Monica

    Ti ho conosciuta nella seconda parte del tuo racconto, ti ho vista all’opera nella tua 1°gara di campionato e mi sembrava di conoscerti da sempre… La tua dolcezza, la tua semplicità e il tuo modo di amare il fuoristrada sono esattamente quello che serve per avicinare sempre piu ragazze al mondo del offroad

  2. Serena

    Mi emozioni sempre!!!! Trovare un’amica come te è stata una fortuna! E questo grazie al fuoristrada.. una passione che unisce persone che non si sarebbero mai incontrate altrimenti.. e crea legami forti!!! A presto!!!!

  3. Christian

    Ti conosco da una vita anche se le nostre strade si sono separate ormai da 10 anni..
    Sapevo più o meno tutto quello che ti succedeva, ma leggere questo tuo racconto mi ha un po’ emozionato. Sono stracontento di tutto quello che sei riuscita a creare e ti confesso che mi hai stupito. Sei piena di energia, di speranza e di progetti, e ti auguro davvero di realizzare tutti i tuoi obiettivi.
    Sei riuscita a fare anche un calendario, vuol dire che per te niente è impossibile!!
    Ti ricordo una frase della nostra canzone: “Everything depends on you!”
    Brava Sere!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.